Lazzara Raffaele BB

rid_Raffaele BB LazzaraRaffaele BB Lazzara è nato nel 1965 a Dusseldorf ed è cresciuto e vissuto a Milano. Dal 1994 è prevalentemente in Friuli, terra dei suoi antenati. Fra le altre collaborazioni con riviste letterarie, d’arte e politica è uno dei fondatori dei Trastolons – poeti senza legge per lingue caraibiche. Con numerosi complici lavora sulla comunicazione laterale, fra poesia, musica, arti plastiche e visioni. Ama i gatti, la birra e le rane.

 

Di rive in sù e, dopo, lis robis torator: Pelo, che al la bleon dal f randei
imbraçave i arbui e al voleve disimparâ a lei, chei altris
indians de Basse e, dongje di lôr, i ultins, i mats, i fruts.
Raff BB Lazzara al ufrìs il so cjalâ: une gjeografie
cussiente e serene, une mape par rivâi dongje e, cun lui,
lâ inaltrò.
E dopo una salita, ecco dall’alto lo sguardo tutto
attorno: c’è Pelo, che abbracciava gli alberi e voleva
disimparare a leggere, ci sono gli altri indiani della Bassa
e, accanto a loro, gli ultimi, i matti, i bambini.
Raffaele BB Lazzara offre il suo sguardo: una geografia
consapevole e serena, una mappa per raggiungerlo e, con
lui, continuare il cammino.
Stefano Moratto

 

La bleon dal frandei
Parcè ch’o sin ancjemò
achì
ce che nus vanze
ce ch’al reste
o vin di nizulâlu
come un frut
Fasìn un glimuç
dai nestris dîs
di chi indevant
che sorevivi nol è avonde
Cjolìn sù
la bleon dal frandei
adalt
e anìn
che il miôr ‘l à di vignî.
Il telo del fogliame – Perché siamo ancora / qui / ciò che
avanza / ciò che rimane / culliamolo / come un bimbo //
Facciamo un gomitolo / dei nostri giorni / da qui in avanti /
sopravvivere non basta // Prendiamo / il telo del fogliame /
in alto / e andiamo / che il meglio deve giungere.
Marianna
E une dì,
di bot
a ti samee
di jessi tal puest
just
dut alì,
i arbui
la mont
il bar
une siore scove il marcjepît
passe une bici
un gjat al duar
Crodimi fie,
e je dure
samee simpri in sù la strade
samee di no rivâ
mai
di nissune bande
ma prime o dopo
in cualchi lûc
tu sês.
Marianna – E un giorno, / di colpo / ti sembra / di essere al posto /
giusto. // Tutto è li, / gli alberi / il colle / il bar / una donna spazza
il marciapiede / passa una bici / un gatto dorme. // Credimi figlia, /
è dura / sembra sempre in salita la strada / sembra di non arrivare /
mai / da nessuna parte / ma prima o dopo / in qualche posto / sei.
Martin
Larìn a cjace di agnui
usgnot
jù pai rivâi
o puartarìn li’ sclopis
cjamadis a sâl
si tu copis un agnul,
Martin,
intune zornade scure
di buere e di sbrume,
tigniti une plume
tal tacuin:
ti puartarà furtune.
Martino – Andremo a caccia di angeli / stanotte / giù per le rive. //
porteremo i fucili / caricati a sale. // se uccidi un angelo, / Martino,
/ in una giornata scura / di vento e tempesta, / conserva una piuma
/ nel portafoglio: / ti porterà bene.
I ultins indians
I ultins indians da Basse
a cjaminin in file
sot dal soreli a plomp
A son restâts
cuatri gjats
là jù ta’ planais
fumant in cercli
a spietin
che la lune
e montedi adalt
disore tal cîl
fers, dongje il flun
dulà che si sint ancjemò
il spirt di Pelo
soflâ tal crespâsi da aghe
e lis stelis
insomp.
Gli ultimi indiani – Gli ultimi indiani della Bassa / camminano in
fila / sotto il sole a picco. // Sono rimasti / quattro gatti / laggiù
nelle grandi pianure. // Fumando in cerchio / attendono / che la
luna / si alzi alta / sopra nel cielo. // Fermi, lungo il fiume /
laddove ancora si sente / lo spirito di Pelo / soffiare nell’incresparsi
dell’acqua / e le stelle / sopra.
Pizule sûr
Lu sai,
la tô little sister
no à voie di stâ cuiete
jê e sgrisule
tal so nît
jê e scjasse
e sbelee.
Piccola sorella – lo so / la tua little sister / non vuole star tranquilla //
lei freme / nel suo nido // lei si agita / motteggia
Come i bambini (a Rosanna)
Come i fruts
sbregâts ta gnot
come i fruts
discolts tal pantan
come i fruts
che a si bussin vie pa strade
intun bosc
ta stazion dai trenos
tal prât
ta discharge
libars e a rût
cence ni nie ni nainis
cence voltâsi une volte
cence une plee
cence paris, maris, parons
come i fruts
ancjemò
farcs, falcs, gjats
puisie di savalon
cinise di un fûc distudât
cjarande di cjanaipe
nons cence cognons
come i fruts tal ledan
aiar di svindic e doman
ancjemò come i fruts
mateâ.
Come i bambini – come i bambini / strappati nella notte / come
i bambini / scalzi nella mota / come i bambini / che si baciano
per la strada / in un bosco / in stazione / nel prato / nella discharge
/ liberi e tosti / senza nè nulla nè storielle / senza voltarsi
una volta / senza fare una piega / senza padri, madri,
padroni // come i bambini / ancora / talpe falchi gatti / poesia
di sabbia / cenere di un fuoco spento / siepe di canapa / nomi
senza cognomi / come i bambini nel letame / vento di vendetta
e domani / ancora come i bambini / a far follie.

 

Fasarìn
La bolp, il soreli, il farc
dut cumò
usgnot la lune e je adalt
e cuant ch’al è di strenzi
o strenzìn
Foropant un budiel di ziment
lant par lâ torator
fin dacîs fin sul ôr
dut al si sbuse ancje la piel
e i viars diviars jessint fûr
a ti mangjaran il zarviel
gjavaitmi dut ma lassaitmi la cjanaipe
o sarai sborfadôr di peraulis zalis come âfs
come la matetât dal istât sot di un cîl celest e viart
pocjis peraulis che a rondolin tal unfiar dal amôr
La bolp, il soreli, il farc
dut ancjemò
achì, dulà che il tet ‘l è grîs
e cuant ch’al è di molzi
o molzìn.
No vuei jessi salvât
o vuei il Pelo, i indians, i piratas
o vuei la Rosy, la leç da jungle
o vuei mateâ, lâ ator, jessi sinciar
mancul normâl, no prenotât, no avuâl, mancul di mancul
tornâ indaûr
o jessi sigûr
e tignî alc
e tignî dûr
Il fiar, il frêt, la cjadene
o sin intun glimuç di plastiche e di asfalt
e cuant ch’al è di sberlâ
o sberlìn.
Faremo – La volpe, il sole, la talpa, / tutto ora, / stanotte la
luna è in alto / e quando bisogna stringere / stringiamo. //
Bucando un budello di cemento / andando per andare in giro /
fin vicino fin sul bordo / tutto si buca anche la pelle / e i
vermi differenti uscendo / ti mangeranno il cervello / toglietemi
tutto ma lasciatemi la canapa / sarò spargitore di parole
gialle come api / come la follia dell’estate sotto un cielo celeste
aperto / poche parole che rotolano nell’inferno dell’amore.
// La volpe, il sole, la talpa, / tutto ancora, / qui, dove il tetto è
grigio / e quando bisogna mungere / mungiamo. // Non voglio
essere salvato, / io voglio il Pelo, gli indiani, i pirati, /
voglio la Rosy, la legge della giungla, / voglio far follie, andare
in giro, essere sobrio, / meno normale, non prenotato,
non uguale, men che meno tornare indietro / o essere sicuro, /
aver qualcosa/ e tener duro. // Il ferro, il freddo, la catena, /
siamo in un gomitolo di plastica ed asfalto / e quando bisogna
gridare / gridiamo.
Dôs cjandelis
E je gnot e scûr di ploie
lis fadis a si platin tai ramaçs
la fumate e jeve
tal lusôr das cjarandis
e di lontan une lûs daûr dal barcon
la ore e je tarde
il soreli al è lât
daûr da ferade
a colin li’ fueis
o mi siararai tant che une man
jê no vûl stâ tal cercli
jê a voie di scjampâ
lâ vie
lâ fûr
fancûl
e tu leis
tal lusôr di dôs cjandelis
tu bevis blancs
fumant sturnide
e fûr a sbivicje
là, fûr, ta gnot
e i gjats a son grîs
e i lacais
e i viars.

Due candele – E’ notte e scuro di pioggia / le fate si nascondono
nei rami / la nebbia si alza / alla luce delle siepi / e di
lontano una luce dietro la finestra // l’ora è tarda / il sole se n’è
andato / dietro la ferrovia / cadono le foglie / mi chiuderò come
una mano // lei non vuole stare nel cerchio, / lei ha voglia di
scappare / andare via, / andare fuori, / fanculo // e tu leggi / al
chiarore di due candele / tu bevi bianchetti / e fumi stoned / e
fuori pioviggina / là, fuori nella notte, / i gatti sono grigi / e le
lumache / e i vermi.

 

I ultins
I ultins uerîrs
a esistin ancjemò
tal curtîl
a San Svualt, Udin
capitâl
resistin
i ultins
i puars i mats i fruts
di ca e di là dal mâr
tal sei diviars
avuâl
i ultins
a esistin ancjemò.
Gli ultimi – gli ultimi guerrieri / esistono ancora / nel cortile / a
Sant Osvaldo, Udine capitale // resistono / gli ultimi / i poveri i
matti i ragazzini / di qua e di là del mare / nell’essere equamente /
diversi / gli ultimi / esistono ancora.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...