Govetto Massimo

Govetto MassimoMassimo Govetto è un poeta finché dura, finché ce n’è.

“Voi di lusigne” (Campanotto ed. 2003) la sua prima ratio, scrosciante dazio agli effluvi della lenghe a cui fanno seguito “Jerino nô?” (Campanotto ed. 2006) e “Platimi”, (Campanotto ed. 2009).
Qualche zampata qua e là, come gli sms inviati a badilate e trascritti a volte da femmine caritatevoli nei loro diari e “TREVERSI” (lulu.com / amazon.com – 2011), con Andrea Cecon, primo esperimento di cultura haiku trasposto in lingua friulana con qualche sparuta copia venduta in Usa, Australia, Uk, Francia Belgio Irlanda e hinterland di Palmanova, Baldasseria e Basso Ledra in formato eBook.
“Il tempo oscuro della vendetta” di Silvia Poli di Spilimbergo (Campanotto ed. 2011), poi; tradotto in marilenghe perchè in fondo fa curriculum e perchè buttale via, le quattro lire che ci guadagni per prenderti l’iPhone e nemmeno a farlo apposta “Còlpe” (Campanotto ed. 2015) perchè a sentirsi in colpa ci si mette un attimo: a dimostrarselo non basta a volte una vita intera.

 

Dulà i sotans

Dulà i odôrs,
dulà i savôrs,
dulà i colôrs di une nature vignude grise;

grise di açârs,
di fiârs cressûts come papavars,
come cadavars a disvuessâ une brame

grame

sore i plintos imbulonâts a un amont ribel,
a le schene crote di un orizont ch’a no si creve,
al mercenari inçoppedasi di une justizie ch’a si intarde;

dulà le miarde
doprade come ingjustri par resentâ rasons

sgripions

madressûts sule piel lustre come crostis,
come supostis a pîd libar e lis acusis,
dulà lis musis,
dulà lis scusis consacradis a un bêç sultan

vilan

l’olsasi di bandieris sence invît,
sence un partît di onzi come clapetis,
come fetis di une bujace di no fâ vanzâ.

Dulà i compagns,
dulà i sotans,
dulà i furlans picjâts a oris sore crôs tignintis a sîs braçs

straçs

di dignitât scrofade intune urne,
inte omertât fitade di un tacuin tant ch’a si ingose,
intal steril comudasi di une ingorde indifarence.

1a classificata concorso “Poesia del disagio”
1a edizione, agosto duemilacinque
Cividale del Friuli (UD)

alle piccole vittime di Beslan,
ai loro assassini

Dusìnte

Un
cinc
cinc, dîs,
cinc, dîs… cincdîsvìncj;

vincj… vincj cincuànte cent.

Cincuànte.

Cent.

Dusìnte.

Dusìnteeròs.
dusìnte,
dusìnte fèrmiti!

Dusìnte vònde…,
…dusìnte,
dusìnte insòmp ce càmbial?

Dusìnte coràgjo,
dusìnte ancjemò un…
…ancjemò dòi,
dusìnte ancjemò cent.

Dusìnte…
…par continuà a sumià di jèssi lìbars;
dusìnte…,
…libertâs di no fa crèssi.

Dusìnte siùns…
…che sbrìssin vìe,
pe bùse stretulìne intun çiarnèli.

Dusìnte tàculis,
dusìnte càgulis di ingjùstri,
dusìnte sèsulis…,
…che si tombòlin,
te fracadìçe di une inocènze che no ûl murì;

e disègns,
dusìnte scribiçòs…,
…frutìns, pòris di grancj;

chèi vincj lôfs vistûs a nèri,
plùi spaurôs de pònte di un penarèl.

E dusìnte mans…,
…dusìnte pièçis;

dusìnte amôrs stranfâs…,
…dusìnte tàçis di resentà.

E dusìnte campanèi,
dusìnte sclopetàdis,

dusìnte prims dì di scuèle…,
…dusìnte gnûs grumài di fusilà.

E dusìnte! Dusìnte! Dusìnte!

Dusìnte pecjâs,
dusìnte ànimis,
dusìnte màris discrotàdis…,

dusìnte ròssis màglis,
dusìnte pìçui noms intun regjstro;

e dusìnte clàus…,
…dusìnte crôs,
jàrbe plùi no mène in chèl zardìn;

dusìnte pàs,
dusìnte cidinôrs,
dusìnte sforçonàsi di fuèis crevàdis.

Dusìnte flôrs indurmidîs…,
…laìdis flàbis,

dusìnte bùtui di reventà

1a classificata concorso “Poesia del disagio”
1a edizione, duemilacinque
Cividale del Friuli (UD)

alle piccole vittime di Beslan,
ai loro assassini

Duecento

Uno
cinque
cinque, dieci,
cinque, dieci… cinquedieciventi;

venti… venticinquantacento.

Cinquanta.

Cento.

Duecento.

Duecentoerotti,
duecento,
duecento fermati!

Duecento basta…,
…duecento,
duecento che cambia in fondo?

Duecento coraggio,
duecento ancora uno…
…ancora due,
duecento ancora cento.

Duecento…
…per continuare a sognare d’esser liberi;
duecento…,
…libertà da non far crescere.

Duecento sogni…
…che scivolano via,
attraverso lo stretto foro di una fronte.

Duecento chiazze,
duecento caccole d’inchiostro,
duecento falcetti…,
…che ruzzolano,
nel chiasso di un’innocenza che non vuol morire;

e disegni,
duecento scarabocchi…,
…bimbi, paure già da grandi;

quei venti lupi vestiti a nero,
più paurosi della punta di un pennarello.

E duecento mani…,
…duecento pezze;

duecento amori rovesciati…,
…duecento bicchieri da risciacquare.

E duecento campanelli,
duecento schioppettate,

duecento primi giorni di scuola…,
…duecento nuovi grembiuli da fucilare.

E duecento! Duecento! Duecento!

Duecento peccati,
duecento anime,
duecento madri denudate…,

duecento rosse macchie,
duecento piccoli nomi in un registro;

e duecento chiodi…,
…duecento croci,
erba più non cresce in quel giardino;

duecento passi,
duecento silenzi,
duecento sbriciolarsi di foglie spezzate.

Duecento fiori addormentati…,
…appassite fiabe,

duecento boccioli da ripiantare

 

 

(COLPE)
PUNISSIMI IL SANC

Punissimi planc
punissimi il sanc
punis le malatìe
le anomalie
punis le vilanìe di chist gno jessi
di chist gno cressi
di chist acressi le opulençe
di une fam cence fruçons
cence orazions e neri
sule mê piel maglade e veri
sule mê anime cricade e prestimi
il to Diu par ch’a lu prei e robimi
il gno Diu par ch’a si inçei lustrant
lecant l’arint dai toi pirons
dai toi canons e sgrassile
chiste fede maladete e ingrassile
chiste vuere predilete ma falu planc
ma punissimi il sanc
ma punissimi il blanc
de stesse lune disarmade
condanade e insegnimi un luc
par confessâ i mei tuarts e insegnimi un fuc
par sconfessâ i mei muârts e
cjâr copade
par premi al gno vilaç e
cjâr cuinçade
par premi al to lengaç e
tra i segrets di une Rigjine
lis immunitâts des tôs rasons e
tai rifles di une piastrine
lis impunitâts dai toi plotons
dai toi cojons battiâts
civilizzâts e intant e mirin
e intant e murin

murin i mei dîs
i mei dîs in disferide
murin i mei fîs in HD e risintonizzimi
sul scugnisi de tô vuere e risintonizziti
sul prostituisi de tô bandiere tant
tant che si suje
le mê sêt e frêt il plomb
eiaculât dal to sermon servîl
dal to incensât fusîl e in font ce satu
se o creparai di gust e in font ce atu
se o impararai ce ch’al è iust e sarai brâv
e sarai cjâf di un colp
di un colp un franc
e punissimi planc
e punissimi il sanc
de stesse lune massacrade
de stesse tô dutrine
de stesse tô Rigjne d’imbavajâ

Colpa
(Puniscimi il sangue)

Puniscimi piano
puniscimi il sangue
punisci la malattia
l’anomalia
punisci la villania di questo mio essere
di questo mio crescere
di questo accrescere l’opulenza
di una fame senza briciole
senza orazioni e nero
sulla mia pelle macchiata e vetro
sulla mia anima incrinata e prestami
il tuo Dio perché lo preghi e rubami
il mio Dio perché s’accechi lustrando
leccando l’argento delle tue forchette
delle tue baionette e graffiala
questa fede maledetta e ingrassala
questa guerra prediletta ma fallo piano
ma puniscimi il sangue
ma puniscimi il bianco
della stessa luna disarmata
condannata e insegnami un luogo
per confessare i miei torti e insegnami un fuoco
per sconfessare i miei morti e
carne accoppata
come premio al mio villaggio e
carne condita
come premio al tuo linguaggio e
tra i segreti di una Regina
le immunità delle tue ragioni e
nei riflessi di una piastrina
le impunità dei tuoi plotoni
dei tuoi coglioni battezzati
civilizzati e intanto mirano
e intanto muoiono

muoiono i miei giorni
i miei giorni in differita
muoiono i miei giorni in HD e risintonizzami
sul doversi della tua guerra e risintonizzati
sul prostituirsi della tua bandiera mentre
mentre s’asciuga
la mia sete e freddo il piombo
eiaculato dal tuo sermone servile
dal tuo incensato fucile e in fondo che ne sai
se creperò di gusto e in fondo che ne avrai
se imparerò quello che è giusto e sarò bravo
e sarò testa d’un colpo
di un colpo un soldo
e puniscimi piano
e puniscimi il sangue
della stessa luna massacrata
della stessa tua dottrina
della stessa tua Regina da imbavagliare

 

 

Raccolgo scrosci

Di te che guardi piovere da dietro un gesto,
una carezza

che mi rigiro nelle tasche ed il tuo nome allora,
ed il tuo nome ancora come salsedine,
come risacca che dondola i pensieri,
i desideri tersi

persi

versi ti corteggiano da un vicolo,
da un portico galante che s’atteggia,
dal ventre di una chiesa rannicchiata e un altro altare
e un altro mare asseta le tue baie,
le insenature floride,
l’alito cauto del mio sbirciarti sotto la stoffa

goffa

questa fedeltà indecisa
derisa da un prefisso e bella sei
se non c’è altro prima di andare e bella lei
se non c’è altro prima di ambire a un ciao sbucciato
fra il tumefarsi di amori assolti
e il tramestio di battiti spezzati in fondo a me

Bastimi

Al ristagnant finisi
al ristagnât finimi di une serade…
…di une clamade,

a lis tôs pausis che mi scandissin,
ai frame segregâts a gale
pigments di un scomut no,
di un comut boh e bastimi a no vivi
e bastimi a no rivi,
bastimi a un cjaveli cence te sule mè manie,
a dêts che no ti cjatin
intun scartoç di merendine;

bastimi a decidi,
bastimi a decidimi,
bastimi intal ritai
di une pagjne di gjornâl e un atri toc
e un atri pas e gjambis
che no tramin plui e bastimi a no fidami,
a no sfidami,
bastimi a no jessi lui;

bastimi a gambià,
bastimi a gambiati,
a une bire che no mi iude…
…che no ti stude,
ale tò man tant che tire le mè mae e une sorprese
e bastimi a une rese e il coit
di un’atre pore
tal rantolasi di un messaggin e usimi
e cusimi
e bastimi a deridi
e bastimi a deridimi,
a un miedi diligent che mi discrote,
a un fumet mai viârt sul mè sgabel;

bastimi a capì,
bastimi a capiti e une vôs
compagne dal tò nom
che fevele di decisions inte mè radio tant che mi impensi
tant che mi pensi
e che o continui a dimi no e bastimi
a no oreti e bastimi
a no plaseti e a curami
e bastimi a crevami e usgnot al torne
Blasco e usgnot te torne
Vasco e no ti scrivarai
di bant e no mi scjaldarai
urlant a un’atre rabie
a un’atre gabie e bastimi a sazià
il reclamati di un atri vinars e tu tasarâs zigant
tant che ti scrivarai e tu amarâs tramant
tant che mi scjaldarai e bastimi a une stele
a un atri cîl in çele e mi abraçe
e mi minaçe le livide
ingerenze di un anestetic cidinôr e in fond bastimi
e in fond devastimi e imparonide
resine salive
dal svuaiât riscuediti di un pigri alibi cicatrizzât

 

 

Bastami

Al ristagnante finirsi
al ristagnato finirmi di una serata…
…di una chiamata,

alle tue pause che mi scandiscono,
ai frame segregati a galla
pigmenti di uno scomodo no,
di un comodo boh e bastami a non vivo
e bastami a non c’arrivo,
bastami a un capello senza te sulla mia manica,
a dita che non ti trovano
in un cartaccia di merendina;

bastami a decidere,
bastami a decidermi,
bastami nel ritaglio
di una pagina di giornale e un altro pezzo
e un altro passo e gambe
che più non tremano e bastami a non fidarmi
a non sfidarmi,
bastami a non esser lui;

bastami a cambiare,
bastami a cambiarti,
a una birra che non m’aiuta…
…che non ti spegne,
alla tua mano mentre tira la mia felpa e una sorpresa
e bastami a una resa e il coito
di un’altra paura
nel rantolarsi di un messaggino e usami
e cucimi
e bastami a deridere
e bastami a deridermi,
a un dottore diligente che mi spoglia,
a un fumetto mai aperto sul mio comodino;

bastami a capire,
bastami a capirti e una voce
col tuo stesso nome
che parla di decisioni dentro la mia radio mentre
mi ricordo
mentre mi penso
e che continuo a dirmi no e bastami
a non volerti e bastami
a non piacerti e a curarmi
e bastami a spezzarmi e stasera torna
Blasco e stasera te la torna
Vasco e non ti scriverò
per niente e non mi riscalderò
urlando a un’altra rabbia
a un’altra gabbia e bastami a saziare
il reclamarti di un altro venerdì e tacerai urlando
mentre ti scriverò e amerai tremando
mentre mi scalderò e bastami a una stella
a un altro cielo in cella e mi abbraccia
e mi minaccia la livida
ingerenza di un anestetico silenzio e in fondo bastami
e in fondo devastami e impadronita
resina saliva
dallo svogliato riscuoterti di un pigro alibi cicatrizzato

 

 

Se t’amerò

Ti amerò tra i visi
indecisi
passanti scrutano vetrine e non mi sento
mentre scomodo il tuo cuore e non mi mento
mentre parlo al tuo timore che mi tenta,

tentano le risa
tentano le fusa e muoiono
fra le mie dita lacrime che spengo al tuo guardarmi
ingravidarmi gli attimi e non chiedere
se t’amerò annuendo e non mi credere
se t’amerò mentendo ad anni illesi
pretesi alla pietà di un tempo nubile,
a un viaggio ritrovato in un cassetto,
a un nome arrampicato dentro me;

me le tue lettere,
me i tuoi quartieri,
c’eri
la sera che ho incontrato
guadato le tue labbra all’addiaccio di un hotel
di una banchina
di un binario che fa ritorno
di un treno scomodo che affollerò;

screzierò di coccole
di fiaccole testarde il mio silenzio
l’ultimo “a presto” incatenato oltre il cristallo,
i passi spesi dentro un parco a insegne spente

gente

intimi noi in un centro commerciale,
San Mercuriale e portami alla Rocca
e portami alla bocca
al tatto alacre che insinua le tue pelli,
i tuoi capelli nudi un altro po’

e un altro t’amerò
scordato sulla guancia
tra i brividi di mancia a una commessa cui dai del tu

Annunci