La poesia ha (ri)conquistato il suo spazio


Il vento soffia a piccoli refoli, che girano le pagine e fanno volare via i fogli dal leggio. L’autostrada è vicina, come è vicino il centro del paese attraversato dalla provinciale; eppure sembra di essere altrove, in un posto quieto, dove si riscoprono piaceri semplici.

Vocinconsuete

Vocinconsuete

Dove si ascoltano le voci dei cinque poeti intervenuti, voci così diverse una dall’altra – chi più ironico e chi più drammatico, chi racconta storie e chi lavora sulle sensazioni – eppure tutte accomunate dal desiderio, anzi dal bisogno di dare un senso al mondo, mettendo in ordine per prime le parole. Dove si ascoltano le voci senza parole del gruppo vocale Vocinconsuete, che accompagnano e punteggiano lo svolgersi delle letture. Dove ci si ascolta, tra un boccone e un bicchiere di vino, in un’atmosfera raccolta e amichevole che avvicina tutti – compreso quel cagnolino che ogni tanto fa sentire anche la sua, di voce. Gli eventi del festival, piccoli come qui a Redipuglia o più grandi, puntellano il territorio come tante bandierine: là, anche solo per una sera, la poesia ha (ri)conquistato il suo spazio.
di Giuseppe Nava

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in nuove. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...